Passione civile

La "settimana nera" del biotech

in _Archivio

Via: Valori.it // Dal referendum sull’etichettatura degli Ogm a Washington ai divieti in Messico e alle Hawaii, questa settimana non è stata certo facile per i colossi del biotech…

Questa settimana non è stata certo facile per i colossi del biotech. A dirlo è Thruthout, che cita una serie di decisioni e sentenze che si sono susseguite Oltreoceano nei giorni scorsi.
Tre giorni fa ad esempio lo Stato del Messico ha vietato la semina di mais Ogm nel proprio territorio. Nel frattempo il Consiglio dell’isola di Kauai, alle Hawaii, ha approvato una legge che obbliga le fattorie a rendere noto l’uso di pesticidi e di sementi geneticamente modificate, imponendo anche una zona-cuscinetto in prossimità di case, scuole e ospedali. Ha inoltre approvato in via preliminare una bozza che, se approvata, proibirà la coltivazione all’aria aperta, lo sviluppo, la diffusione e i test su piante geneticamente modificate.
Ma la novità più rilevante – continua l’articolo – potrebbe arrivare dallo stato di Washington, con il referendum sulla I-522 che, in caso di vittoria dei “sì”, obbligherebbe all’etichettatura degli Ogm. Un terreno pericoloso per i colossi dell’agrochimica, visto che la stragrande maggioranza dei cittadini statunitensi si è dichiarata d’accordo e che, in caso di successo dell’iniziativa, molti altri Stati potrebbero seguire l’esempio.
Proprio mercoledì il procuratore generale di Washington Bob Ferguson ha citato in giudizio la Grocery Manufacturers Association, una lobby che finora è stata fra i principali donatori per la campagna per il fallimento dell’iniziativa referendaria. La causa punta il dito sulla scarsa trasparenza sull’identità dei singoli donatori. Ora questi ultimi sono stati resi noti: si tratta di Pepsico, Coca Cola, Nestlè Usa, General Mills e altre società del settore. Fin da subito invece era stato rivelato che fra i grossi sponsor del “no” c’è la Monsanto, con uno stanziamento pari a 4 milioni di dollari. Il voto finale è in programma per il 5 novembre.

30 Ottobre 2013

Valentina Neri

ultimissime da

torna su
TESSERAMENTO 2019