Passione civile

Stringere legami, cambiare la storia

in Riflessioni

Ottobre 2014, Novo Modo, il primo atto verso un modello innovativo di pratica di responsabilità sociale.

Siamo propensi a modelli sempre più federali che frammentano la coesione sociale da territorio a territorio? A che Firenze, Treviso, Milano, Bologna, Siena, Ancona, Bari non possano lavorare insieme? Quello che è accaduto nel 2015 a Casal di Principe lo smentisce: in un luogo fragilissimo e delicato, grazie a una classe di imprenditori coraggiosi, a una Fondazione, al direttore del più grande dei musei italiani, a un’associazione di promozione sociale, First Social Life, viene realizzata la mostra di cui più si è parlato in Europa e nel Mondo nel 2015. La prima sede espositiva creata in un bene confiscato alla camorra.

Superare il confine della filantropia, della sponsorizzazione, dell’elemosina sociale è la sfida più importante: alla “chiamata a bordo” hanno risposto uomini, donne, imprese, intellettuali: tutti consiglieri di amministrazione di progetto, tutti protagonisti e partner. Scambiarsi Fiducia, il ricordo più bello.E poi la selezione, per bando pubblico, dei volontari che avrebbero curato la Rinascita: una vera centuria, ambasciatrici e ambasciatori del territorio, per raccontare l’arte, e la verità, animati dalla volontà di dimostrare chi fossero i veri Casalesi, orgogliosi di un’occasione vera di riscatto reputazionale, fiduciosi che di lì a due mesi il vuoto di una villa improbabile si potesse riempire di bellezza, anche la loro. Ritornare a Casal di Principe dopo otto anni, dopo Gomorra, invitato dai giovani Casalesi, e vedere il miracolo realizzato, è il confine varcato da Roberto Saviano, esule da un territorio che ben conosce.

Superati i 35.000 visitatori, le 800 uscite di stampa, di cui 100 internazionali, le 100 uscite video: la luce ha davvero vinto l’ombra! Almeno fino a qui. Tanti hanno avuto un’occasione per arrivare a Casal di Principe e andar via con gli occhi pieni di gioia e il cuore gonfio di energia.

Un fondo di garanzia, costruito con il ricavato della nostra mostra, ci aiuterà nel tentativo di varcare le ultime barriere, a dimostrare che dalla cultura, dall’arte possono nascere imprese: startup sull’economia della conoscenza. Giovani e non solo potranno transitare dall’impegno civile e volontario al lavoro, la cultura e il progetto sociale evolveranno in economia tipica. Proveremo a calcolare il valore economico dell’impatto sociale “positivo” generato dalla cultura.

Ci muoviamo attraverso confini che a volte siamo in grado di attraversare altre no. Le nostre paure, le nostre difese talvolta zavorrano le nostre anime, patine sottilissime che impediscono alle nostre sensazioni e alle nostre emozioni di liberarsi. Incontrare l’altro vuol dire fidarsi, confidarsi, rischiare e sciogliere quelle patine al pulsare del battito del cuore. Noi siamo in marcia verso i nostri sogni, siamo certi che ne valga la pena.

Giacinto Palladino (Presidente di First Social Life)

ultimissime da

Dopo un’udienza

Sono appena uscito da un’udienza in cui per l’ennesima volta mi sono confrontato con

Oltre il confine privato

Superare i confini è sicuramente una delle imprese più belle e difficili nella vita.
torna su